I ponti di Londra

0

Il Tower Bridge, uno dei ponti di Londra e icona della città

London Bridge

Situato tra il Cannon Street Railway Bridge e il Tower Bridge, collega la City of London al borgo londinese di Southwark e stabilisce il limite
occidentale del Pool of London cioè il bacino di Londra. Sul lato sud del ponte trovate la Southwark Cathedral e la stazione della metropolitana London Bridge, mentre sul lato nord c’è il Monumento al grande incendio di Londra del 1666. È il più vecchio ponte della città e sorge dove, nel 50 a.c i Romani costruirono il primo ponte di Londra, edificato in legno, sostituito poi nel 1209 da un ponte di pietra che ospitava case e negozi, e ancora nel 1831 da uno di granito. La costruzione dell’attuale struttura risale al 1973.

Lunghezza: 283 m
Larghezza: 32 m

Westminster Bridge

Si trova tra Westminster, sulla riva nord, e Lambeth, sulla riva sud del Tamigi e la sua realizzazione risale al 1862. È in ferro e presenta sette arcate con decorazioni neogotiche opera di Charles Barry. Domina il ponte il colore verde, che fa pendant con il colore della Camera dei Comuni che occupa la parte del Palazzo di Westminster ad esso più vicina, in contrasto con il rosso del Lambeth Bridge che richiama invece il colore dalla Camera dei Lord. Il ponte è carrabile e pedonale.

Lunghezza: 252 m
Largezza: 26 m

Tower Bridge

Venne edificato nel 1894 e per l’epoca rappresentava un’opera di ingegneria tecnologicamente avanzatissima e il ponte levatoio più grande mai costruito. Le sue torri, con le guglie e le passerelle di collegamento, sostengono il meccanismo che solleva il ponte durante il passaggio di grandi navi e in occasioni speciali. Un tempo il ponte veniva alzato 50 volte al giorno, oggi invece solo più 4-5
volte la settimana. Fin dalla sua costruzione il ponte è diventato uno dei simboli della capitale britannica. Sopra di esso, a 43 m d’altezza, c’è la cosiddetta Passeggiata dei gatti, o Catwalk, un passaggio pedonale che attraversa il ponte anche quando le parti mobili sono sollevate, e che in origine doveva servire a fare passare i pedoni anche quando il ponte restava sollevato per lungo tempo. Se non soffrite di vertigine è assolutamente da fare.

Lunghezza: 60 m
Altezza: 43 m (con le torri)

Millennium Bridge

Collocato tra il ponte di Southwark e il ponte Blackfriars è stato edificato per collegare la Tate Modern alla City e alla St Paul’s Cathedral. È il primo ponte pedonale sospeso ad attraversare il Tamigi dopo il 1894, anno di costruzione del Tower Bridge. Inaugurato nel 2000 è stato chiuso due giorni dopo, per via delle forti oscillazioni causate dal passaggio di 90.000 persone il primo giorno e più di 2.000 allo stesso tempo (per questo è stato chiamato Wobbly Bridge, ponte instabile).
Dopo le necessarie modifiche per ovviare a questo inconveniente è stato riaperto nel febbraio del 2002. L’allineamento della struttura, realizzata in acciaio, offre una vista stupenda della facciata della cattedrale, incorniciata dai piloni (8 in tutto) che sostengono il ponte.

Lunghezza: 325 m
Larghezza: 4 m

Waterloo Bridge

L’attuale struttura fu terminata nel 1945 e si trova nell’area della Central London, tra il Blackfrairs Bridge e l’Hungerford Bridge. Deve il suo nome alla famosa battaglia di Waterloo del 1815, che vide uscire vincitori gli inglesi contro le truppe di Napoleone. Il ponte sorge sul sito di una prima costruzione in granito composta da 9 archi ognuno con una campata di 40 metri, risalente al 1817
e conosciuto come Strand Bridge. Le pietre di granito ottenute dalla demolizione del vecchio ponte vennero conservate in varie parti dell’Impero Britannico, come simbolo di unione dei popoli del Commonwealth of Nations. Il Waterloo Bridge è stato l’unico ponte ad essere danneggiato durante la Seconda guerra mondiale. Venne chiamato il ponte delle donne, The ladies’ bridge, perchè la maggior parte degli operai che presero parte alla sua costruzione erano donne.

Lunghezza: 366 m

Blackfriars Bridge

Realizzato in ferro e costituito da 5 archi, fu completato nel 1869, in sostituzione del precedente ponte in pietra a pedaggio del 1769. Sia carrabile che pedonale, si trova tra il Waterloo Bridge e il Blackfriars Railway Bridge. Il lato nord è vicino alle Inns of Court e alla Blackfriars Station, mentre il lato sud arriva nelle  vicinanze della Tate Modern e della Oxo Tower. Il suo nome è dovuto al fatto che si trova vicino al monastero dei frati domenicani, che vengono chiamati black friars per via della cappa nera che portano sull’abito bianco.

Lunghezza: 277
Larghezza: 31,50

Chelsea Bridge

Sospeso sul Tamigi e adibito a pedoni e mezzi motorizzati, fino al 1879 era un ponte a pedaggio. L’attuale struttura in acciaio, lunga 213 metri e larga 20 metri, risale al 1937. Va a sostituire il vecchio “Victoria Bridge”, lungo 233 metri con una campata centrale di 117 metri,realizzato in ferro nel 1858. A sud est del ponte vi è la “Battersea Power Station”, la vecchia centrale di energia alimentata a carbone, mentre a sud ovest trovate il Battersea Park.

Lunghezza: 213 m
Larghezza: 20 m

Hammersmith Bridge – Inaugurato nel 1887, il ponte fu costruito sulle basi della precedente struttura risalente al 1827, non più sufficiente a sopportare nuovo flusso di traffico conseguente alla grande espansione economica della città. Il ponte è stato ristrutturato nel 1973 e ha subito dei lavori di ammodernamento nel 1997. Pone in collegamente il sobborgo di Hammersmith e Fulham a nord, con il sobborgo di Richmond upon Thames a sud.

Lunghezza: 210
Larghezza: 13

Lambeth Bridge Londra

Posto tra il Westminster Bridge a valle e il Vauxhall Bridge a monte, il ponte, carrabile e pedonale, è stato costruito nel 1932. Il suo colore predominante è il rosso, caratteristico della Camera dei Lord situata nella parte del Palazzo di Westminster più vicina al ponte e in contrasto con il Westminster Bridge che invece è colorato di verde per ricordare il colore della Camera dei Comuni, posta
nella parte settentrionale del vicino palazzo.

Vauxall Bridge

Costituito da cinque arcate in acciaio che poggiano su colonne di granito, sormontate da otto statue femminili di bronzo rappresentanti le arti e le scienze, è stato costruito nel 1906 e fu il primo ponte su cui passarono i tram.
Attraversa il Tamigi tra il Lambeth Bridge e il Grosvenor Bridge, nella zona di Central London. Nei suoi pressi potete trovare Westminster, la Tate Britain, e la stazione della tube Pimlico. La struttura originaria, risalente al 1816 prevedeva 9 archi e per passare bisognava pagare un pedaggio. Era costruito in ferro, ma a causa delle maree si arrugginì in poco tempo, venendo sostituito con uno in legno e più tardi con quello d’acciaio.

Lunghezza: 270
Larghezza: 27

Southwark Bridge

Denominato Iron bridge, ponte di ferro, è stato inaugurato nel 1921. Charles Dickens ne parla nei suoi romanzi. A sud del Southwark Bridge si trova la Tate Modern, il Globe Theatre e la sede del Financial Times. È situato tra il Millennium Bridge verso nord e il Cannon Street Railway Bridge verso valle. Sulla riva sud, sotto il ponte, si possono ancora trovare dei gradini che servivano ai barcaioli per ancorare le loro imbarcazioni mentre attendevano i clienti da traghettare.

Lunghezza: 267 m
Larghezza: 18,3 m

Silvia è un Senior Content Editor per MyLondra.it

Comments are closed.